Controlla ciò che puoi Controllare

Controlla ciò che puoi Controllare

In molti libri che ho letto si trova il concetto “Controlla ciò che puoi Controllare”. Pensa…già Epitteto e gli Stoici ne parlavano quasi 2000 anni fa e ancor prima nel Buddismo Zen si trova lo stesso (basilare) concetto.

Cosa vuol dire Controlla ciò che puoi Controllare?

Nella nostra Vita dobbiamo prendere consapevolezza che ci sono una miriade di cose che sfuggono al nostro Controllo. Pensa ad esempio al tempo atmosferico: quante volte ti è capitato di lamentarti perché fa brutto? Dimmi la verità…dopo questa lamentela è sempre uscito un Sole splendente? Ovviamente no.

Un altro esempio che mi riportano spesso i miei clienti di Consulenza Strategica è: il mio partner fa così ma io vorrei che lui/lei facesse nel modo che io preferisco. Capitato? Penso proprio di si.

Qui sottolineo sempre che quello che fa (o non fa) il nostro partner è una cosa fuori del nostro controllo e che di conseguenza arrabbiarci e lamentarci nella maniera più assoluta non risolverà un bel niente.

Cosa fare dunque?

Dobbiamo accettare queste situazioni/accadimenti come un dato di fatto. Punto. Se una cosa è al di fuori del nostro Controllo la cosa migliore che noi possiamo fare è metterci il cuore in pace.

Può sembrare difficile semplicemente perché la nostra Società ci istruisce a controllare qualsiasi cosa! E questo ci crea ansia/stress che ci opprimono così tanto oggigiorno.

Perché accettare il Controlla ciò che puoi Controllare?

Perché se inizi ad accettare (consciamente e non) che ci sono cose che non puoi Controllare risparmi un sacco di tempo e di energie!

Ai miei clienti di Consulenza Strategica chiedo sempre di rispondere a questa domanda: “Questa cosa per cui oggi ti preoccupi…che impatto avrà tra 5-10 anni sulla tua Vita?”. Questa domanda ti permette di mettere le cose nella giusta prospettiva ed evitare così di preoccuparti eccessivamente per cose irrilevanti!

Ti faccio l’esempio di un mio cliente soddisfatto: si preoccupava sempre per la figlia diciottenne alle prime uscite con la macchina. Nella sua testa c’erano frasi del tipo: speriamo che faccia attenzione e che arrivi presto, sono così preoccupato. Siamo andati a lavorare insieme su questo Paradigma e gli ho fatto che nella Vita ci sono tanti eventi che non possiamo prevedere (esempio un incidente in macchina). Non lo si augura ovviamente a nessuno sia chiaro, ma rimuginarci sopra tutta la serata e non dormire non può (in nessun modo) influenzare il verificarsi o meno della situazione.

Conclusioni

Chiaramente prima accettiamo il fatto che ci sono cose nella nostra Vita che non possiamo controllare meglio è. Viviamo una Vita più serena e riduciamo significativamente ansia e stress.

In alcuni casi i nostri Paradigmi inconsci ci impediscono di accettare determinate situazioni (specie quelle più pesanti come lutti o grandi delusioni).

In tal caso occorre lavorare in modo specifico sui tuoi Paradigmi inconsci andando a creare nuove strategie di pensiero efficaci. Per fare ciò ti consiglio di Richiedere la mia Consulenza Strategica.

Se invece preferisci studiare da te ho preparato un Video Corso ad hoc.